Costume Made Illustration - Suerte Studio '

Costume Made Illustration

Tendencia
20 Febbraio 2019

“Ti do due minuti per disegnare un labirinto che ne richieda uno per risolverlo.”

 

La frase di Dom Cobb, personaggio di fantasia protagonista del film "Inception", descrive brillantemente il ruolo dell’illustrazione del mondo della comunicazione. Parlando di illustrazione infatti cerchiamo di definire un’arte molto complessa e dalle mille sfaccettature. Possiamo definirla, in modo più generale, come un elemento visivo realizzato con l’obiettivo di sintetizzare un concetto inoltre, per essere considerata efficace, deve suscitare curiosità ed essere pertinente al contesto al cui è inserita.

Nella storia del design grafico l’illustrazione acquisisce valore comunicativo con il lavoro Henri de Toulouse-Lautrec, considerato il padre dei manifesti. Egli riesce infatti, nei primi del Novecento, a dare un nuovo significato all’immagine e a sfruttarla con intento pubblicitario. Famosissime le sue opere per gli spettacoli del Moulin Rouge.

 

 

 Un altro esempio storico di utilizzo dell’illustrazione è il lavoro di Leonetto Cappiello. Considerato uno dei più innovativi cartellonisti italiani, lavora principalmente sul concetto di sintesi cromatica: egli sfrutta infatti dal nero ai colori molto accesi con l’intento di rendere più incisivo il disegno della figura protagonista. La sua capacità di interpretare il prodotto di largo consumo mantenendo un forte contenuto semantico, lo rende oggi l'iniziatore del manifesto moderno.

 

 

 

Nell’epoca mobile first è evidente come l’immagine statica è sempre più sostituita dalle animazioni digitali. Un’epoca fluida come la nostra, necessita di nuove reinterpretazioni dell’immagine e soprattutto dell’illustrazione che, a oggi, risulta particolarmente sfruttata. Le sue potenzialità la rendono uno strumento adatto alle aziende di comunicazione. Un esempio dell’utilizzo contemporaneo delle illustrazioni è il lavori di Olimpia Zagnoli per “Prada” caratterizzato da forme semplici associate a colori brillanti. Per quanto riguarda il mondo digitale è fondamentale citare “Freeda”, agenzia capace di sfruttare l’illustrazione animata che statica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Olimpia Zagnoli - vai al sito

Freeda - vai al sito

i-D magazine - vai al sito

 

 

 


Facebook Pinterest LinkedIn